Brianza SiCura: un nuovo simbolo contro le mafie

logo

L’evento di presentazione del logo di Brianza SiCura, tenutosi giovedì 17 marzo 2016 dalle ore 20:45 presso la sede della Provincia di Monza e della Brianza, è stato un successo. Una serata interessante, formativa e partecipata che evidenzia come il percorso intrapreso da Brianza SiCura sia importante e necessario.

Numerosi sono gli articoli di giornale pubblicati per l’occasione. Noi riportiamo di seguito il Comunicato Stampa e i link ad alcuni articoli.

Buona lettura!

COMUNICATO STAMPA

La geografia della Brianza composta da tanti piccoli scudi: tanti quanti sono i 55 Comuni della Provincia – anzi, anche qualcuno in più. È il nuovo logo di Brianza SiCura, il coordinamento intercomunale fondato un anno fa per un impegno nel contrasto alla criminalità organizzata di stampo mafioso e al fenomeno della corruzione e per una permanente diffusione della cultura della legalità.

Il logo è stato presentato giovedì sera nella sede istituzionale della Provincia di Monza e Brianza ed è il vincitore di un concorso di idee e design bandito dal gruppo promotore di Brianza SiCura. All’evento era presente il vicepresidente Roberto Invernizzi e hanno partecipato una trentina di giovani creativi provenienti soprattutto dalle scuole brianzole di design. Infatti il marchio prescelto è opera di una studentessa lissonese, Giulia Paleari, che frequenta la classe terza dell’indirizzo Tecnico Grafico e Comunicazione dell’Istituto di istruzione superiore “G. Meroni” di Lissone.

Il logo rappresenta la mappa della Brianza come un insieme di scudi – simbolo di protezione e degli stemmi dei Comuni aderenti – di colore verde (la tinta provinciale, regionale, ma anche quella della speranza) ed è stato prescelto per la pulizia grafica e per il messaggio positivo che veicola. La giuria – composta da Valerio D’Ippolito (referente per Monza e Brianza di “Libera”), Martina Mazzeo dell’associazione “Stampo Antimafioso”, Roberto Bugeia esperto di grafica, Valentina Valentini, Marco Cappelletti e Giorgio Garofalo per Brianza SiCura – ha deciso di attribuire due menzioni di merito anche ai lavori di Martina Corradini ed Elisabetta Pavese, anch’esse studentesse dell’Istituto lissonese.

Ai vincitori, rappresentati dal preside Carmelo Catalano, sono stati consegnati come premi simbolici alcuni libri di cultura antimafia e un cesto di prodotti agricoli provenienti dai campi confiscati alle cosche. La serata si è conclusa con un intervento di David Gentili, referente per la Lombardia dell’associazione “Avviso Pubblico”.

Monza, 18 marzo 2016

Articoli: