La settimana di Lea

Lissone, Muggiò, Nova, Cesano Maderno, Monza: la settimana dal 18 al 23 novembre in Brianza sarà tutta dedicata alla memoria di Lea Garofalo, la testimone di giustizia trucidata dal marito per essersi ribellata alla ‘ndrangheta. 5 serate in 5 Comuni diversi per ricordare il suo coraggio.

Accesso libero a Brescia

Sei più sei. Sei domande sull’attuazione delle normative sull’accesso agli atti generalizzato e altre sei sulle piattaforme informatiche whistleblowing. L’associazione Rete AlternAttiva, comitato spontaneo per la legalità e la trasparenza di Chiari (Brescia), “gemellato” con Brianza Sicura, le ha poste a ben 220 tra Comuni e Ats o Asst della provincia.

Il Sud è più sveglio del Nord

“Condivido la convinzione secondo cui oggi al Sud, molto più che al Nord, c’è la coscienza che la mafia non sia una semplice mentalità, che non esista una mafia buona, che non esista una mafia che non sia criminale; una mafia alla quale tutti si devono opporre senza incertezze”. E’ il parere dell’ex procuratore di […]

Un mese per Lea

Dieci anni fa, esattamente la sera del 24 novembre 2009, Lea Garofalo veniva attirata in una trappola dall’ex compagno ‘ndranghetista e veniva uccisa in un appartamento a Milano. Il suo cadavere fu poi trasportato a Monza, in un campo della zona di san Fruttuoso, dove venne dato alle fiamme per tre giorni fino alla completa […]